Ma veramente fate?

Cos’è ‘sta nuova ciotìa? Non bastavano saggisti, poeti e profeti: pure ‘sti fotografi professionisti?

Maledetto mondo Social. Trattasi di un particolare pianeta su cui tutti capiscono e trattano di tutto, beati loro. Ogni stagione ha il suo specialista in malattie infettive, guerre, calciomercato, coalizioni di Governo, musica, scuola, esistenza di Dio e imminente sbarco di marziani. Ah, dimenticavo, ci sono anche gli avventati poeti che (come me) vanno a capo due volte e pubblicano le loro barzellette alte. E poi ci sono loro.

Eccoli, i nuovi Artisti. Un esercito di cellulari e reflex che immortala di tutto, pure il cane bastardo che piscia al pneumatico della vostra auto (e solo a esso, lo possano ammazzare). Foto, foto e ancora foto: del mare di giorno, di quello di notte, del nuovo concerto, della processione, del monumento e del panorama, della cellulite della splendida compagna, degli occhi e delle mani, della Madonna che se li porti via che quando lo farà sarà troppo tardi.

E fin qui, ancora ancora… La novità sta tutta nella nuova moda di firmarsi ‘ste foto. Sì: su ogni Social ci sta gente che mette nome e cognome ai suoi scatti: Se no me li rubano – è la motivazione. Capissi che furto che ti fanno: si fregano la Gioconda, mò. Ma diamine, uno va a pubblicare su un Social e poi frigna per il copyright? Se ci tieni, pubblichi su qualche rivista di settore e non ci scassi la testa e altro con le tue opere d’Arte da tutelare come se fossero un panda. Per cui, almeno, risparmiaci ‘sta menata della firma: dai!

Alla Cassano: ami fotografare?, chapeau – scatti pure delle belle immagini?, chapeau – ti rubano le foto?, no – ledono la tua arte?, no – moderazione (e un po’ di modestia), Ventola. Per tutti, invece: prendo il telefonino e mi avvicino al ventilatore qui nella stanza… meravigliosa prospettiva, vero? Scatto e pubblico. Che bell’idea, una genialata proprio, un tributo unico all’Umanità: ma se qualcuno me la frega? Quasi quasi me la firmo…

Ma davvero ci fate?

Disneyland, 10 Agosto 2022

3 commenti su “Ma veramente fate?”

  1. Sinceramente: ma dove sta il problema?! 🙄🤔
    Ognuno fa delle proprie “opere” ciò che vuole. Qualcuno se le firma?! E quindi? Sarà un problema suo eventualmente la tutela del copyright.

  2. Sinceramente: ma dove sta il problema? Ognuno fa delle proprie “opere” ciò che vuole. Qualcuno se le firma?! E quindi?! Sarà un problema suo eventualmente la tutela del copyright.
    Poi oramai i social sono a tutti gli effetti “piazze” dove si espone e si mercanteggia di tutto e pertanto da qualche anno, anche giuridicamente riconosciute e tutelate.
    Che poi non si ritengano degne di firma alcune “opere” (o persone), è un altro discorso che nulla ha a che fare con lo strumento di comunicazione utilizzato né con l’arte in sé che è prettamente soggettiva e che non distingue la qualità di un’opera dalla presenza di una firma o meno.
    Piuttosto forse il discorso riguarda la percezione che si ha delle proprie “opere”: tu definisci le tue “barzellette alte” e “foto a cacchio” (intanto però le pubblichi, sarà che l’ ebrezza del like piace a tutti…), peccando un po’, a mio avviso, di insensibilità e incuranza nei confronti di chi legge i tuoi versi e di contro li apprezza, si emoziona e non gliene frega niente se vai 2 volte a capo! Così come credo non gliene freghi niente se sotto ci sta la tua firma o meno: apprezza (o no) e basta. Modesto non è tanto e solo chi lancia le sue “non perle” a chiunque, ma anche chi apprezza coloro che cmq le raccolgono pensando siano vere, ed evita espressioni di autocommiserazione!
    L’arte è emozione, tutto il resto è polemica inutile, in questo caso anche banale.
    Sarà il caldo?! 🤔😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi