“Buonasera, posso?”

È sera. Sentite il citofono di casa. Rispondete e vi sentite chiedere: “Scusi, lei è ndranghetista?”

Mica ve lo chiedono per cattiveria, eh. È una semplice curiosità. Uno può essere curioso nella vita, no? D’accordo: magari uno si secca perché la domanda gli arriva in diretta Facebook e con decine di giornalisti al seguito. Pazienza.

Ti potrebbero chiedere pure di peggio, stasera. Sempre per curiosità. Che ne so: “Scusi, è vero che sua moglie se la fa col dentista?” O altro ancora: magari sulla tua igiene personale, o sulla bolletta della luce, o sulle tue preferenze sessuali.

Ma sei un calabrese e allora ci sta che tu possa essere un mafioso. E ci sta anche che una signora avanti con gli anni ti porti il curioso di turno sotto casa per chiedertelo. Live, con il tuo nome sputtanato per bene in pubblico.

I calabresi fanno tutti parte della Ndrangheta, del resto. I napoletani invece sono mariuoli. I siciliani notoriamente ammazzano giudici. I pugliesi falsi e cortesi. I lucani montanari testardi. Nel complesso: tutti vagabondi e sporchi, i meridionali.

Più a Sudche te lo dico a fare? Gli africani non fanno un cazzo tutto il giorno. Puzzano, spacciano. E allora il curioso, dopo il tuo citofono, va a bussare alla porta di un tunisino e ce lo chiede chiaro chiaro se vende droga. In diretta sempre, con decine di carabinieri e poliziotti che lo scortano (invece di ammanettarlo e portarselo via).

Domandina facile: ma davvero volete vivere in un Paese simile?

…ovviamente la Civiltà (anche della Legalità) è tutt’altra cosa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *