Lo ha deciso la gente

Chi vince governa. Chi perde fa opposizione. Il resto è gossip da bar, chiacchiera inutile.

A Corigliano Rossano, infine, è Giunta Stasi. E anche il primo Consiglio Comunale della fusione va in scena. La maggioranza presenta assessori e poltrone consiliari.

E si prende tutto. Qualche romantico s’indigna: vorrebbe che almeno il presidente del Consiglio vada alle minoranze. E denuncia, così, guasti democratici.

Tranquilli, ragazzi. La nuova maggioranza non ha commesso alcun colpo di stato: ha solo rispettato l’esito delle urne. Che hanno parlato… anzi urlato chiaro: e hanno indicato la strada.

I numeri di giugno non lasciano adito ad alcun dubbio. I neo corsanesi hanno premiato Stasi e bocciato le controparti politiche. È giusto che la maggioranza si prenda tutto: onori e oneri.

Chi ha perso non chieda poltrone. E faccia opposizione: seria, dura, non isterica ma senza sconti. Per la nuova città ci sono tanti nodi contorti da sciogliere: e c’è bisogno di controllo.

A questo servono le opposizioni: a fare opposizione (appunto). Una verità così logica da apparire quasi grottesco doverlo rimarcare agli interessati. Stasi governi. Gli altri gli facciano sentire il fiato sul collo.

Del resto, pure la sbornia della vittoria stasiana finirà prima o poi. Le lune di miele non sono eterne. E alla lunga certe scelte risulteranno difficili, impopolari. Allora verrà fuori il ruolo fondamentale di chi ha perso a giugno.

Per ora, ognuno al suo posto. Senza chiedere ciò che spetta all’altro. Rispettando i ruoli, i numeri e la volontà popolare.

(Corigliano Rossano, 3 luglio 2019)

2 commenti su “Lo ha deciso la gente”

  1. Le urne hanno parlato chiaro… è giusto che sia Stasi e gli altri consiglieri dovranno essere chi ha avuto più consensi e con competenz specifiche nei vari settori amministrativi del comune. 😀😉🇮🇹

  2. Cᴏʀɪɢʟɪᴀɴᴏ-Rᴏssᴀɴᴏ, Flavio Stasi «Cɪ sᴀʀᴀɴɴᴏ ᴅᴇᴄɪsɪᴏɴɪ ᴅᴀ ꜰᴀʀ ᴛʀᴇᴍᴀʀᴇ ɪ ᴘᴏʟsɪ» – Il sindaco della nuova terza città della Calabria avverte tutti (minoranza compresa) sulle grandi decisioni che bisognerà assumere. Intanto il Consiglio comunale sceglie il suo presidente: è Marinella Grillo. Congratulazioni carissima.
    Sono parole forti, sono parole che tracciano – almeno nelle premesse – quella che dovrà essere quella in molti definiscono la “rivoluzione Stasi”. Su quali siano, però, questi provvedimenti il sindaco non si sbottona e al momento non parla. Certo, il fatto che abbia tenuto per se deleghe importanti come l’ambiente, la sanità, la manutenzione e i servizi, la gestione della macchina comunale, le politiche energetiche e i trasporti, lascia presagire che Stasi ha sicuramente in mente un piano per mettere mano su questioni scottanti che non riguardano solo la vita ed il futuro di Corigliano-Rossano ma quella dell’intero territorio. Perché è qui che si gioca la partita più importante: quella dello sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *