Zizì

Capitelli di pelle
si rigano di rughe

dove il Tempo
si ferma e gioca
a dadi con ciò
che rimane d’un
respiro.
Ti guardo. Sei
qui ma non sei
più tu: il nome
tuo c’è, l’ombra
tua resiste, un
eco vago del
tuo accento mi
restituisci come
pegno di quel
che fosti.
Parli e io non
riesco a guardare
il tuo viso che
sa di corteccia
arsa dal sole: la
Vita ci ha preso
in giro e pure
noi abbiamo
perso.
Mi hai sorretto
quando la via
andava in alto e
io tremavo:
perdona adesso
la mia paura a
sfidare il Tempo.
Siamo soli
quando i dadi
sgomitano col
buio della
Notte.

(10 giugno 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi