Io l’ascolto

Se parla il tuo
cuore io l’ascolto:

e cerco di intuirne
ogni accento e
ogni errore anche.
Trattengo il fiato
e alle tue sillabe
resto sospeso,
consumandomi nel
lento incedere dei
tuoi tempi. Né ti
chiedo il senso
per questo nulla
che tanto mi rende
schiavo. E se fa
male non mi pesa
e resisto, resto.
Perché, tu lo sai,
sei la mia malattia.
Ma la medicina
pure…

(18 luglio 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi