Figlia d’Aprile

Eppure ci sta il sole
sulle nostre spalle

su cui pesano troppe
croci, e nodi di legni
sicari, e ruggini di
chiodi senza cuore.
Giunge il soffio dolce
di Zefiro e abbozza
come un canto di
verbi balbuzienti che
sanno barare nelle
anime degli illusi:
è una tempesta che
non ha violenza il
mio Jonio, di questi
tempi. Vorrei dirti
dei suoi segreti, della
sua vera voce. Un
verso basterebbe, io
penso, un accento
solo: se tu avessi la
voglia di avvicinarti,
Figlia d’Aprile. Per un
istante soltanto, per
due chiacchiere e
basta. Prendendoti
gioco dell’Orco che
conoscemmo col
nome e l’andare del
Destino.

(12 aprile 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi