Purtroppo, stanotte

Purtroppo,
stanotte ancora,

il Tempo ci è
nemico.
Per questo
non parlare: la
tua voce sia
vento torrido
caro ai canali
d’agosto, sibilo
di serpe, nenia
stanca di cicale
stregate dalla
Luna.
Non chiamare
per nome ciò
che sarà da qui
all’alba: narrami
soltanto il tuo
Inferno che
sa di sogno e
cuore che non
si può domare.
Poi, forse, pure
noi scopriremo
la dolce carezza
del nuovo
giorno.
Ma ora no: stai
qui nel mio animo
e non regalare
nulla di noi
a ciò che ancora
per un po’ il
mondo chiamerà
“Notte”.

(29 agosto 2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi