Pasolini, Siamo tutti in pericolo

Pasolini è un film del 2014 diretto da Abel Ferrara, che si concentra esclusivamente sulle ultime ore di vita e sulla sessualità di Pier Paolo Pasolini.

Pasolini è interpretato da Willem Dafoe e il ruolo di Ninetto Davoli, suo amico e attore feticcio, è di Riccardo Scamarcio. Nel cast è presente anche lo stesso Davoli, nel ruolo di Eduardo De Filippo.

Il film, che ha partecipato alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e al Toronto International Film Festival, è stato criticato per la sua regia e il contenuto scandaloso. L’opera, i cui dialoghi sono in tre lingue (italiano, francese, inglese), mostra episodi reali ed immagini dal sapore onirico di scene immaginate dallo stesso Pasolini nelle sue opere.

L’ultima intervista con Furio Colombo

La trama. Poeta, scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo, intellettuale e pensatore, Pasolini è stato un artista completo, innovativo, studioso osservatore della società del secondo dopoguerra italiano. Tra immagini di vita reale – le sue ultime interviste, i colloqui con i suoi amici, da Davoli e Laura Betti – e delle sequenze oniriche – che narrano brani del suo romanzo incompiuto Petrolioo e il soggetto di un film fantastico allegorico che avrebbe dovuto essere interpretato da Eduardo De Filippo – si delinea un personaggio al centro di polemiche e scandali a causa delle sue idee radicali e della sua omosessualità. Il tragico epilogo all’Idroscalo di Ostia rimane un mistero ancora oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *