Non sappiamo mai

Non sappiamo mai
dove andiamo.

L’angoscia dell’andare
è sempre un buon
biglietto per un
treno che aspettiamo
pigri. Stiamo,
dunque, a scrutare
gli orari su un muro
di muffa e solitudine:
e facciamo i soliti
conti capaci solo
di non farci sentire
il peso di Noi.
Comunque così va,
sussurra il cattivo
maestro che ci
saluta dall’altra
parte dei binari: e
sorride, e accarezza
il Vento con le
mani. Poi, davvero,
un treno arriva:
ed è fuga tra
campagne di cui
non sai neppure
il nome.

(1 gennaio 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi