Mi mancano

I tuoi silenzi mi
mancano, l’avresti mai

pensato? Non so
dove appoggiarmi,
ora, su quale spigolo
perdermi. Non ho
la lingua salata
da abbracciare prima
di sparire, davvero,
del tutto.
E tacere, infine. E
respirare le tue
infinite pause, dare
loro un senso
senza significato.
Sono croci che non
hanno pietà per
le nostre gole, rasoi
che lasciano
cicatrici: le parole.
Sono fuoco che
brucia, ci fa cenere.
E poi forse polvere. E
Tempo. Le parole
sono pietre. Curve
di colline dove
sa trovare riposo
il Vento.

(15 aprile 2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi