Il tuo respiro parla

Il tuo respiro parla.
E io l’ascolto: apprendo

la sua grammatica
che ha poche regole e
mille errori, cerco di
non farmi confondere
dal suo accento
che mai sentii ieri, mai
più avrò in regalo
domani.
E attendo.
Finché perdo l’eco
della tua ultima
frase e mi sciolgo
folle nel silenzio
che mi ordini.
Penso che sia il
Cuore il tuono che
mi preannuncia
temporali…
O è soltanto il tuo
respiro, ancora?
Il verbo tuo
con cui so tornare
vivo.

(9 agosto 2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi