Federica

Arriva, lenta, la nuova
Primavera: l’annusi, dolce,

nei cirri oltre il cortile.
Eccola, fresca nell’azzurro
calabrese, violent’annuncio
della Vita che ritorna.
Ma tu non ci sei e con te
manca l’illusione che ci sia
un Domani, che ne valga
la pena.
L’alito più gelido di Zefiro
violenta così la polvere
d’un’Anima, la mia:
pure il cielo, oltre questa
stanza, diventa bruno.
A volte Dio
lo sente il nostro respiro.

(8 febbraio 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi