Nel nulla delle parole

Nel nulla delle sole
parole, nel tempo che

ci frena ogni volta,
noi siamo ombre di
carne e poc’altro.
Inutile promettersi
tanto: gli occhi già
tradiscono il vero
e sputano ciò che le
lingue non sanno.
Un giorno diranno di
noi accenti terribili,
è sicuro. Ma ora ogni
epilogo non conta.
Ascolto il tam tam delle
vene, protetto dalle
ombre che siamo:
e spero, comunque. Io
spero. Che il boia
mi voglia graziare…

(18 settembre 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi