Nel nulla delle parole

Nel nulla delle sole
parole, nel tempo che

ci frena ogni volta,
noi siamo ombre di
carne e poc’altro.
Inutile promettersi
tanto: gli occhi già
tradiscono il vero
e sputano ciò che le
lingue non sanno.
Un giorno diranno di
noi accenti terribili,
è sicuro. Ma ora ogni
epilogo non conta.
Ascolto il tam tam delle
vene, protetto dalle
ombre che siamo:
e spero, comunque. Io
spero. Che il boia
mi voglia graziare…

(18 settembre 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *