M’osservo perdermi

M’osservo perdermi
negli occhi del Tempo,

giocare a dadi nella
scommessa delle sue
clessidre, ascoltare
il rumore del suo
accento lento.
Sono qui, comunque.
I mille mari del mio
mondo sciorinano
miti e pietre e sale:
io oltre. Le rughe
che esigono conti,
le cicatrici che
cancellano dolori.
Muto.
Con un cappello
nuovo a cui
affidare l’ultimo
pensiero.

Un commento su “M’osservo perdermi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi