Certe primavere

Come in certe
primavere quando

però non è marzo
e il calendario dice
d’altri giorni e
differenti respiri…
così il tuo essere
dentro di me è
regola non scritta,
parola non detta,
dio non conosciuto.
Ha un senso?

Nuvole d’improvviso
piangono petali
trasparenti: forse
in temporali così
stanno le nostre
risposte, Cuore.

(28 giugno 2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi