Volli cogliere

Volli cogliere, di te, un
attimo: allungai la mano,

lieve, sudata per le
troppe emozioni di quella
mattina. Ti sfiorai per
qualche mollica di
tempo e mi bastò, Altro
non avrei avuto. Né
voluto. Non era scritta
la legge di noi due,
ma entrambi ne sapemmo
ogni minima ombra
d’inchiostro.
“La felicità, dunque? Lo
sai che penso: essa
non esiste”. Litigammo
anche su questa mia
certezza senza un
senso. Poi il temporale
lavò salive di rabbia
e lacrime d’amanti.
Tutto fugge. E noi
chi sa dove siamo ora.
Una sola regola ci salva,
in ogni caso, sai:
le persone disperate sono
le sole con cui vale
la pena litigare.

(18 luglio 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi