Rosa dell’alba

Di te, rosa
dell’alba, amo

finanche
la carezza
crudele delle
spine
e il dolore
che il desiderio 
di sfiorarti un
poco mi
regala.
Così il primo 
sole ci
sorprende:
ed è follia
irrinunciabile
questo ferirsi
che ci fa
vivere.

(5 ottobre 2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi