Il nostro tempo muto

Scorre, infine, il
nostro tempo muto:

scivola e va oltre,
sfida tempo e vento,
corre dove il Verbo
non sa descrivere
alcun senso di Vita.
E’ acqua che si
perde in rivoli di
poco, argentea, roca
nell’accarezzare
greti di pietra e limo.
Non esiste passo
che non abbia fretta,
a un certo punto
del cammino. Tutti
fuggiamo, prima
o poi: è come un
destino, o forse,
solo, la più inutile
delle condanne. Ma
così va la corsa del
torrente rosso che
tuona nelle nostre
vene. E geme, e corre,
e scompare poi,
perfino. Come certe
promesse che ci
facemmo un giorno,
lontano, consapevoli
che mai avremmo
avuto la forza per
non tradirle.

(1 gennaio 2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *