Che mondo è

Che mondo è quello
opaco che imprigiona

un fiore? Ora i nostri
corpi urlano accenti
simili, stretti nello
stesso respiro, in uno
spasimo che a breve
esploderà nella
desiderata liberazione.
Due solitudini non ne
fanno mai una sola
e noi lo sappiamo:
è tempo di respirare,
di vivere di nuovo.
Il tuo sudore sarà
il mio, la mia voglia
la tua forza.
Il nostro Paradiso
si chiama Inferno.

(3 giugno 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *