Sopportate

Sopportate le nostre
urla, voi che vivete nei tasti

d’un telecomando. E che
non fuggite mai le fila a cui
v’hanno addomesticato. E
che non sbagliate mai i colori
nel vestirvi. Ecco: non
puntateci contro alcun indice.
Questo è il nostro
Mondo e nessuno sconto faremo
alla nostra sacra rabbia.
Il futuro sta nel nostro sangue,
nel suo scorrere impetuoso,
nella saliva delle nostre denunce.
Non ci saranno recinti capaci
di frenarci, o dighe così energiche
da arginare il corso di questo
passo tanto frenetico. La Storia è
qui, ora. E chi non vuole guardarla
in faccia socchiuda del dutto
gli occhi, abbassi il capo. Non cerchi
scuse, non ci chieda il motivo…
La vita è un treno che
non aspetta chi ha sempre paura.

(10 agosto 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi