I miei pensieri

I mie pensieri sono
cani arrabbiati, Sono

cicatrici vive, ansie
e lacrime salate. Mi
seguono, mi azzannano:
sono il furente urlo
d’un treno notturno
che non va da
nessuna parte. I miei
pensieri hanno piedi
stanchi ma respiro
lungo, e implacabili
non mi mollano mai.
Mi sfiorano, trascinano
via le mie forze,
ingiuriano i miei Dei.
Non hanno pietà.
Sono gli anni che ho
barattato con il Vento:
l’ultima parola inutile
nell’addio alla Vita
del ragazzo che fui.

(14 dicembre 2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi