E con i bagnanti torna pure il fuoco

Bentornata Estate. Con gli ombrelloni, i ghiaccioli e… gli incendi.
Le buone abitudini, alla lunga, diventano… tradizioni. Appuntamenti di cui non si può fare a meno: come il panettone a Natale, l’uovo pasquale.

O  la fila alle Poste quando ci sono le pensioni. E poi i cani abbandonati in autostrada tra luglio e agosto, le foto del mare sporco durante le vacanze, la cellulite su Facebook.
Di simili, buone abitudini, nel nostro Sud jonico sono pieni i fossi. E tutte sono legate alle scadenze del calendario. Per esempio, fai partire luglio ed eccoti i cieli calafricani che si colorano di grigio scuro. Temporali estivi all’orizzonte? Giammai: solo qualche tanica di benzina di troppo e un accendino.
Roba da malati? Protagonisti assurdi che cercano nella cenere dei nostri boschi la loro folle soddisfazione? Ennò, non è soltanto una questione… clinica. Intanto vanno registrati i ritardi strutturali della Calabria circa la gestione degli interventi e delle risorse ad hoc. La Regione pubblica norme ma… tutto resta sulla carta.
Invece, i piromani sono molto più concreti. Anche perché col fuoco estivo si fanno ottimi affari. Per esempio si può sospettare qualche speculazione edilizia, qui o lì sul fronte dei vari fuochi. Oppure coltivare troppi sospetti circa il business degli spegnimenti degli incendi, specie se le forze arrivano dal cielo.
I mezzi aerei usati per spegnere i fuochi estivi costano e producono profitti per i privati, non sono statali. È questo uno dei brillanti risultati ottenuti mandando in pensione il Corpo Forestale dello Stato: di fatto il servizio di spegnimento è ora in mano ai privati che se lo fanno pagare salato: un canadair costa quasi quindici mila euro all’ora, mentre per un elicottero ce ne vogliono circa sei mila.
Va da sé che qualche cattivo pensiero venga quando le fiammecominciano a essere un po’ troppo… ricorrenti e continue in certe zone. Che ci sia la mano interessata di qualcuno all’origine dei roghi? Possibile. Per questo l’estate scorsa non è mancata anche l’attenzione di alcune Procure della Repubblica, compresa quella di Castrovillari, che vorrebbero vederci più chiaro nella vicenda.
Ovviamente, non è mancato pure lo sdegno popolare. Tanta rabbia, tanto biasimo. Specie sui Social. E poi? Il solito silenzio d’autunno.

Emilio V. Panio

(18 luglio 2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi