E tu fidati

E tu fidati.
Pure se la mia 

voce non sta
più dentro di te,
anche se non è
mio più il tuo
odore.
Siamo Cristi sullo
stesso legno,
fronti rigate da
spine che si
somigliano: ora
o mai più, sia
resa.
Sappilo, quindi:
il dolore non si
sfoga, resta 
come un’ombra,
a meno Che 
non si spenga la
luce o il
sole.

E la Resurrezione
non c’è.

(20 aprile 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *