E tu fidati

E tu fidati.
Pure se la mia 

voce non sta
più dentro di te,
anche se non è
mio più il tuo
odore.
Siamo Cristi sullo
stesso legno,
fronti rigate da
spine che si
somigliano: ora
o mai più, sia
resa.
Sappilo, quindi:
il dolore non si
sfoga, resta 
come un’ombra,
a meno Che 
non si spenga la
luce o il
sole.

E la Resurrezione
non c’è.

(20 aprile 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi