L’Uomo dei Versi

Non ha un nome
l’Uomo dei Versi. Va,

nel fango del selciato
dopo il temporale, a
non sa quale meta ci
sia oltre il lampione
che fa da angolo al suo
passo. Cammina, e gli
basta questo, muto,
senza neppure la voglia
d’un saluto fugace,
d’uno sguardo.
Le nuvole si sciolgono
violente, intanto, lassù
sulla sua testa. E muoiono
infine, senza tanti
ripensamenti. Un giorno,
una notte, una vita.
A nessuno conviene dare
un nome al Dolore.

(21 gennaio 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi