E poi una sera

E poi una sera
un angelo mi salvò

la vita.
Non mi chiese chi
sa cosa in cambio,
si sedette e
mi disse “Parla”.
La mia bocca fece
una smorfia e
restò muta: per un
giorno, forse un
anno u una vita,
finché tutto fu del
tanto raccontato.
Allora ognuno andò
per la sua strada:
e ci scoprimmo l’uno
dell’altra l’ombra.

(24 marzo 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi