E poi una sera

E poi una sera
un angelo mi salvò

la vita.
Non mi chiese chi
sa cosa in cambio,
si sedette e
mi disse “Parla”.
La mia bocca fece
una smorfia e
restò muta: per un
giorno, forse un
anno u una vita,
finché tutto fu del
tanto raccontato.
Allora ognuno andò
per la sua strada:
e ci scoprimmo l’uno
dell’altra l’ombra.

(24 marzo 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *