Facciamo i conti

E ogni volta che
facciamo i conti con

un quale epilogo,
il Silenzio parla.
Nel fuoco d’un sole
malato, quando il
mare dorme. Ha voce
roca, sussurro spento:
racconta ma non è
chiaro, dice molto ma
spesso sente. Non
ti chiede una risposta,
non serve che tu
abbia la parola giusta.
Se ti dà noia, guarda
altrove e non asciugare
le sue lacrime. Tutto
ha un senso comunque,
pure ciò che ai più
pare follia.
Ma ora la stanchezza
d’essere solo conta e
ogni altr’accento poco
aggiunge di più.
E’ tempo di andare.

(7 gennaio 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi