Eppure, qualcosa rimane

Eppure, qualcosa rimane.
Nella cenere della nostra

carne, sulla rotta delle vite
che passano, in una lacrima,
l’ultima, d’Amore.
Nulla davvero vola via
per sempre. Restano i nomi,
come lontani porti in cui
rifugiarsi, restano i battiti
d’antichi cuori che si
ebbero. Restiamo noi:
nel boato infinito di
quell’ultimo granello
di sabbia fine che
scivola nella clessidra
del nostro destino.

(2 dicembre 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi