Consumare disperatamente

Consumare disperatamente
calendari. Ogni tanto

finanche una pausa, perché
i matti non temono
fallimenti. Respirare così,
senza farci caso. Con un
ghigno che i più credono
un sorriso. Senza dire
molto di più, senza spiegare
alcunché. Una maschera
nel cuore la trovi e la usi,
senza più sentire dolore.
Passano vite, si consumano
mondi. Poco male: il destino
di chi sa fingere a sé
stesso non prevede altra
pena che questa. A spiegarlo
non ci riesci, non si può.
Basta essere qui, per
capire. Basta esser così,
per sapere…
E la logica già pare
chimera.

(13 settembre 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *