La luna

La luna si
accovaccia sulle

reti di Procida.
Qui, il Tempo s’è
arreso con chi
parte per vivere
del tutto. È morta
la Speranza,
muto il Destino.
Solo i gatti sfidano
il Nulla scivolando
sulle pietre salate
che si arrampicano
tra le rughe di
calce marinara.
Le bocche tremano in
estreme bestemmie,
poi si chetano,
sfinite. E più si
ribellano. In questa
resa senza storia:
nell’eterno tradimento
d’un Dio patrigno.

(13 maggio 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi