E tu arrivi

E tu arrivi. Come un
debito da saldare, torva

in viso, impietosa.
Ti vedo sederti muta,
vicino, il labbro basso:
ascolto il tuo
respiro, osservo le dita
che giocano nel solco
delle tue mani
piccole.
Parlami. Stanotte dimmi
cosa non mi perdoni.
Te lo chiedo ma so
già che è verbo inutile,
parola che non frutta,
deserto di carne.
La notte ci pesa addosso e
così restiamo, a punirci
per ciò che non abbiamo
saputo chiedere al
Destino. Io come uomo,
tu come mio futuro…

(2 luglio 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi