Nelle mie campagne

Nelle mie campagne
l’afa insegue furente


la cicala per torturarla
finché non ne strozza
il canto. A sera,
quando è resa di calli
e di sudori, il sole
va a nascondersi dietro
le colline. Allora le vecchie
del paese ancora
conquistano i crocicchi e si
raccontano gli anni che
più non sono. Così
lentamente il Tempo
socchiude gli occhi
e si addormenta. Senza
alcuna logica apparente.

(1 giugno 2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi