Nelle mie campagne

Nelle mie campagne
l’afa insegue furente


la cicala per torturarla
finché non ne strozza
il canto. A sera,
quando è resa di calli
e di sudori, il sole
va a nascondersi dietro
le colline. Allora le vecchie
del paese ancora
conquistano i crocicchi e si
raccontano gli anni che
più non sono. Così
lentamente il Tempo
socchiude gli occhi
e si addormenta. Senza
alcuna logica apparente.

(1 giugno 2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *