Elegia di Maggio

Se nevica
nella pancia

d’una pigra
primavera,
allora nulla è
impossibile,
davvero.
Neanche
che tu usi
infine il verbo
di chi sa
annunciare 
promesse non
più celate
al mondo.
E io questo
attendo,
tremando al
gelo d’un
maggio folle:
rapito dallo
spasimo del
mite tarassaco
di Calabria.

(7 Maggio 2019)

2 commenti su “Elegia di Maggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *