Le pietre fredde

Ricordi?
Le pietre fredde

della spiaggia, quando
si arrivava veloci
dai vicoli, come
spie di notte, stando
attenti alla voce,
per non farsi riconoscere
manco dalle onde.
E le mani sudate,
il viso arrossato dal fuoco
della prima timida
carezza. E quelle mie
parole che non
uscivano: e il tempo
nemico, il nudo istante
d’un primo desiderio.
Poi, d’improvviso,
come una spada, la tua
voce trafisse quel
dolce Purgatorio:
“Hai l’auto, stasera?”.
E l’alba dei nostri cuori
lasciò il passo ai
primi pomeriggi
da adulti.

(14 febbraio 2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi