The new world

Mute.
Così tremano

ora le nostre
bocche: è
un istante – pare
una Vita quasi –
è l’onda che
di nuovo
rovista tra pietre
e conchiglie,
lì dove lo Jonio
riposa, infine.
Altrove.
Ragazzi vanno
a caccia di
carezze: loro
è il Tempo,
loro ciò che
sarà del Futuro.
E noi? Lenti
strisciamo tra
l’Anima e i
polpastrelli.
Chi pensa
muore, certe
volte è
così che vanno
le cose.
Meglio il tuo
silenzio e
la mia attesa,
allora…
Arriverà la
nuova alba
a sorprenderci
più stanchi:
sarà quel nuovo
mondo
che si
merita chi
sospira.
Muto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi